dove-non-ho-mai-abitato-1

Ultime uscite

Dove Non Ho Mai Abitato (nei cinema dal 12 Ottobre)

Dopo una vita passata in Francia con il marito, Francesca sarà richiamata in Italia dal padre, per sostituirlo nella presentazione, insieme al suo collaboratore Massimo, di una villa sul lago per una coppia di innamorati. La situazione metterà entrambi in condizioni di poter riflettere sulle scelte della loro vita

10 Ott , 2017   Video

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0

Donna di 50 anni, Francesca è l’unica figlia di Manfredi, un architetto molto famoso che da quando ha perso la moglie vive a Torino e che riceve visite dalla figlia molto raramente. La donna vive infatti a Parigi con la figlia adolescente e con Benoit, il marito finanziere sui sessant’anni. A seguito di un infortunio domestico, Manfredi, allo scopo di avere la figlia vicino, le proporrà di prendere il suo posto nel progetto di una villa su un lago, costruita per una coppia di innamorati. La cosa troverà quindi Francesca costretta a collaborare con Massimo, braccio destro del padre, anche egli sulla cinquantina. A seguito di una conoscenza difficile, i due entreranno ben presto in sintonia ed oltre ad iniziare a maturare un sentimento, cominceranno a farsi delle domande sulle loro reali identità e sui loro destini.

dove-non-ho-mai-abitato-2

Film drammatico di provenienza italiana diretto da Paolo Franchi, il film ci offre come protagonisti Emmanuelle Devos e Fabrizio Gifuni, entrambi in qualche modo fin troppo assorbiti nei loro personaggi, ma non quelli che recitano, ma i ruoli nella vita ai quali entrambi obbediscono. La missione assegnata loro da Manfredi gli consentirà di trovarsi a condividere una realtà mai vissuta prima, che pertanto li porterà a farsi delle domande sulle scelte fatte nel corso della loro intera vita.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0

Immagini:

Mymovies  –  Cineuropa

, , ,

Marco La Mantia By
Grande appassionato di cinema fin dalla più tenera età, ha scelto da tempo Quentin Tarantino come suo regista preferito, senza trascurare il lavoro di registi come Robert Rodriguez e Kevin Smith, il cinema italiano d’altri tempi e l’animazione occidentale ed orientale.