News

Il Festival di Venezia 2017 chiude, assegnando il Leone d’Oro a Guillermo Del Toro

Il primo premio assegnato al regista messicano per The Shape of Water. da parte della giuria presieduta da Annette Bening

10 Set , 2017   Video

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0
Si è infine conclusa la 74esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia, che dopo una lunga ed indubbiamente emozionante serie di presentazioni di film, ha visto la giuria, presieduta dall'attrice Annette Bening, decretare la vittoria del Leone d'Oro per il Miglior Film per The Shape of Water, nuovo film diretto da Guillermo del Toro con nel cast Michael Shannon e Richard Jenkins. Film fantasy con forti toni drammatici, The Shape of Water si presenta come un fiaba di natura gotica, ambientata in piena Guerra Fredda nel 1963, che segue una giovane eroina priva di voce. Un mix che ha sicuramente impressionato la giuria, garantendo al film il premio più importante. chiude-il-festival-del-cinema-di-venezia-assegnando-il-leone-d-oro-a-guillermo-del-toro Passando ai due Leoni d'Argento, il premio per la Miglior Regia è stato consegnato a Xavier Legrand, per il suo Jusqu'à la Garde, mentre il Gran Premio della Giuria è stato vinto da Foxtrot, film di Samuel Maoz. Passando oltre alle Coppe Volpi, assegnate ai migliori attori di entrambi i sessi, quella per la Migliore Attrice è andata a Charlotte Rampling per la sua interpretazione in Hannah, film di Andrea Pallaoro, mentre Migliore Attore è stato proclamato Kamel El Basha, per L'Insulte diretto da Ziad Doueiri. Subito sotto trovate la lista dei vari premi rimanenti, seguita dal più recente trailer per The Shape of Water, film aggiudicatosi a pieno merito il Leone d'Oro della 74esima Mostra del Cinema di Venezia. Premio per la Miglior sceneggiatura Martin McDonagh, per Three Billboards Outside Ebbing, Missouri Premio Speciale della Giuria Sweet Country di Warwick Thornton Premio Marcello Mastroianni Miglior Attore Emergente Charlie Plummer per Charley Thompson (Lean on Pete), di Andrew Haigh Leone del Futuro, Premio Luigi De Laurentiis per un'Opera Prima Jusqu'à la garde, di Xavier Legrand Premio Orizzonti per il miglior film Nico, 1988 di Susanna Nicchiarelli Premio Orizzonti Miglior Regia Vahid Jalilvand, di Bedoune Tarikh, Bedoune Emza (No Date, No Signature) Premio Speciale della giuria Orizzonti Caniba di Lucien Castaing-Taylor, Véréna Paravel Premio Orizzonti per la Migliore Attrice Lyna Khoudri, per Les Bienheureux di Sofia Djama Premio Orizzonti per il Migliore Attore Navid Mohammadzadeh, per Bedoune Tarikh, Bedoune Emza (No Date, No Signature) di Vahid Jalilvand Premio Orizzonti per la Miglior Sceneggiatura Dominique Welinski e René Ballesteros per Los Versos del Olvido, di Alireza Khatami Premio Orizzonti per il Miglior Cortometraggio Gros Chavrin, di Céline Deavux Premio Venezia Classici per il Miglior Film Restaurato idi i Smotri, di Elem Klimov Premio Venezia Classici per il Miglior Documentario sul Cinema The Prince and the Dybbuk, di Elwira Niewiera e Piotr Rosolowsky Venice Virtual Reality - Miglior VR Arden's Wake, di Eugene YK Chung Venice Virtual Reality - Miglior Esperienza La camera insabbiata, di Laurie Anderson e Hsin-Chien Huang Venice Virtual Reality - Miglior Storia: Bloodless, di Gina Kim  
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0

Immagini:

Nanopress  –  Corriere

, , , ,

Marco La Mantia By
Grande appassionato di cinema fin dalla più tenera età, ha scelto da tempo Quentin Tarantino come suo regista preferito, senza trascurare il lavoro di registi come Robert Rodriguez e Kevin Smith, il cinema italiano d’altri tempi e l’animazione occidentale ed orientale.