Speciali

HARRY POTTER – LA SAGA

Parte 2 – Dal Calice di Fuoco al Principe Mezzosangue

2 Dic , 2016   Gallery

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0

2005 – Harry Potter e il Calice di Fuoco

Dopo aver avuto una visione durante il sonno, dove vede Lord Voldemort ordinare a Peter Minus e ad uno sconosciuto di catturarlo, Harry raggiunge la Tana insieme all’amico Ron, con il quale assiste alla finale della Coppa del Mondo di Quidditch insieme ad Hermione ed all’intera famiglia Weasley. Dopo la finale, mentre sono in corso i festeggiamenti per i vincitori, alcuni Mangiamorte compaiono tra il pubblico seminando il panico. In mezzo a loro Harry riconosce l’uomo misterioso della sua visione, mentre lancia nel cielo il celebre Marchio Nero, costringendo Harry e gli altri ad abbandonare il luogo. I tre tornano quindi ad Hogwarts per il loro quarto anno, dove incontrato il nuovo professore di Difesa contro le Arti Oscure, il celebre Alastor Moody (Brendan Gleeson). Coraggioso ed anticonformista, il nuovo professore mostrerà alla classe le tre Maledizioni Senza Perdono, uno dei quali è L’Avada Kedavra, noto anche come Anatema che Uccide. Invischiato suo malgrado nel Torneo Tremaghi, competizione che prevede tre prove di abilità magica e stregonesca che era stata bloccato per mille anni, Harry si trova a dover affrontare tre maghi di grande talento, due dei quali provenienti da scuole diverse: Viktor Krum (Stanislav Ianevski) dalla scuola di Durmstrang, Fleur Delacour (Clémence Poésy) di Beauxbatons e Cedric Diggory (Robert Pattinson), anche lui di Hogwarts. Grazie a dei consigli ricevuti da Cedric e da Mirtilla Malcontenta (Shirley Henderson), Harry riesce a superare le prime due prove: sconfiggere un drago e salvare un amico dal Lago Nero infestato dalle sirene. Per la terza prova verrà invece aiutato dal professor Moody, che si scopre essere Barty Crouch Jr., figlio dell’organizzatore del Torneo, da lui stesso assassinato, e servitore di Voldemort. Mentre vagano per un labirinto disseminato di trappole magiche per recuperare la Coppa Tremaghi, Harry e Cedric scoprono che la Coppa è in realtà una Passaporta, che li trasporta in un cimitero dove trovano, ad attenderli, Peter Minus. Dopo aver ucciso Cedric, l’ex professore costringe Harry a dargli una goccia del suo sangue e recupera le ossa del padre di Voldemort. Donando al suo signore la sua stessa mano, gettata nel calderone con le altre parti e la forma semiumana del Signore Oscuro, Voldemort torna in vita potente come tredici anni prima, e si scaglia subito contro Harry. Il ragazzo sarà però aiutato ancora una volta dagli spiriti dei suoi genitori, e riuscirà a tornare ad Hogwarts grazie alla Passaporta. Tornato alla sua scuola, Harry avvertirà subito tutti della risurrezione di Voldemort, senza però essere creduto da nessuno tranne Silente, che dopo aver smascherato Barty Crouch Jr. e liberato il vero Moody, darà disposizioni per celebrare, nella Sala Grande, le commemorazioni per Cedric, prima vittima del rinato Signore Oscuro. Uscito nelle sale statunitensi ed inglesi il 18 novembre, il film raggiunge le sale italiane la settimana dopo, il 25 novembre. Piazzatosi al sesto posto per gli incassi tra i film della saga, Il Calice di Fuoco ha incassato quasi 300 milioni di dollari negli Stati Uniti, ed oltre 20 milioni di euro solo in Italia. Diretto questa volta da Mike Newell, il film ha nuovamente guadagnato una nomination agli Oscar, quella per la Migliore Scenografia curata da Stuart Craig e Stephenie McMillan, senza però arrivare a vincere l’ambito premio. Tra i vari momenti presenti nel romanzo che non sono trasposti nella versione cinematografica, sono da contare sicuramente la mancanza della Pesa delle Bacchette organizzata da Olivander, rito che precede il Torneo Tremaghi durante il quale lo stesso Olivander controlla le bacchette dei quattro campioni. Nessun accenno viene inoltre fatto del C.R.E.P.A., comitato per tutela degli elfi domestici fondato da Hermione. Altra differenza si ha nella prova finale del labirinto, che non è disseminato di trappole ed ostacoli, ma è più, come detto da Silente, una tortura psicologica per i partecipanti. Il film taglia anche la scena in cui Harry consegna il premio in denaro della Coppa Tremaghi ai gemelli Weasley, che lo utilizzeranno in seguito per fondare il loro negozio di scherzi a Diagon Alley. Ultima piccola curiosità: il film vede il debutto cinematografico dell’attore Robert Pattinson, presente nel film nel ruolo di Cedric. L’attore acquisterà fama in breve tempo impersonando il vampiro Edward Cullen nella serie cinematografica tratta dai romanzi della serie Twilight.

2007 – Harry Potter e l’Ordine della Fenice

Mentre trascorre le vacanze estive, Harry, alle prese con il cugino Dudley, viene attaccato da due Dissennatori, che lo costringono ad usare un Patronus per difendere sé stesso ed il cugino. Giunto a casa, riceverà una Strillettera dal Ministero della Magia, che lo convoca per un’udienza disciplinare. Sarà solo grazie alla testimonianza di Silente e di Arabella Figg, rivelatasi una Maganò, che il ragazzo verrà assolto. Trasferitosi per il resto delle vacanze in casa di Sirius Black, Harry viene informato da Ron, Hermione e dai suoi amici che la casa del suo padrino è il quartier generale dell’Ordine della Fenice, organizzazione segreta che fa capo a Silente, creata per fermare Voldemort ed i Mangiamorte. Oltre a Silente, l’Ordine conta tra le sue fila Alastor Moody, i genitori di Ron, Sirius Black, Remus Lupin e Severus Piton, ma aveva avuto come membri anche i genitori di Harry. Una volta tornato ad Hogwarts, Harry trova difficoltà a legare con i compagni, che non vogliono credere alla notizia che Voldemort sarebbe risorto, essendo stata totalmente negata dalla Gazzetta del Profeta, che invece accusa Silente di starsi creando un esercito personale per diventare Ministro della Magia. La nuova insegnante di Difesa contro le Arti Oscure è quest’anno Dolores Umbridge (Imelda Staunton), sottosegretaria al Ministro inviata per esercitare un controllo più diretto sugli studenti, dimostrandosi severa ed inflessibile, dando solo lezioni teoriche per preparare gli studenti al G.U.F.O., test per i fattucchieri in previsione, ed applicando, specie nel caso di Harry, delle punizioni particolarmente dolorose e temibili. Harry e i suoi amici, nel tentativo di prepararsi ad affrontare Voldemort, si oppongono all’idea della professoressa Umbridge e creano un’organizzazione clandestina nota come Esercito di Silente, che si allenerà nella Stanza delle Necessità, dove ognuno potrà trovare ciò di cui ha bisogno. Nel corso di questi allenamenti, Harry scambierà il primo bacio con Cho (Katie Leung), iniziando così la loro relazione. Nuovi incubi tornato però a tormentare Harry durante il Natale. In un incubo, il ragazzo vede il grosso serpente di Voldemort, Nagini, ferire Arthur Weasley, sogno che in seguito si rivelerà reale. Il signor Weasley sarà infatti ferito, ma riuscirà poi a guarirsi. L’accaduto farà però capire ad Harry che la sua mente e quella di Voldemort sono in qualche modo connesse, cosa che lo spingerà a seguire le lezioni di Occlumanzia del professor Piton, per nascondere la sua mente dal Signore Oscuro. Nel frattempo, l’Esercito di Silente fa progressi, ma Cho viene catturata dalla professoressa Umbridge e dai Serpeverde, che la costringeranno a rivelare dove si trova la Stanza delle Necessità, facendo così scoprire e catturare tutti i membri del gruppo. Nel tentativo di difendere Harry, Silente si assumerà la responsabilità dell’accaduto, sfuggendo poi all’arresto smaterializzandosi. Ciò farà salire al ruolo di Preside la professoressa Umbridge, mentre Harry, scoperto che è stata Cho a rivelare la loro posizione, deciderà di lasciarla. Pochi giorni dopo, durante il rigoroso silenzio in cui si svolge l’esame del G.U.F.O., i gemelli Weasley, quasi a voler controbattere alle noiose attività della loro nuova preside, lanciano nella sala grande un enorme quantità di fuochi d’artificio. Ad Harry nel frattempo tocca l’ennesima visione, dove vede Voldemort intento a maledire con il Cruciatus Sirius Black, nelle stanze dell’Ufficio Misteri del Ministero della Magia. Deciso ad andare a salvarlo, Harry si unisce con Ron, Hermione e gli altri membri dell’Esercito Silente per fuggire alla Umbridge e raggiungere Londra. Arrivati all’Ufficio Misteri, i ragazzi trovano diverse sfere di cristallo, che contengono profezie sul destino di ogni persona. Sarà lì che troveranno la sfera che gli svelerà per quale motivo Voldemort voleva uccidere Harry quando era ancora solo un bambino. A fermare la rivelazione interverranno dei Mangiamorte, due dei quali sono Lucius Malfoy e Bellatrix Lestrange. Nonostante il loro tentativo di difendersi, i ragazzi vengono sopraffatti ed Harry, per difendere la vita dei suoi amici, è costretto a consegnare la sfera con la sua profezia a Lucius. In quel momento, Sirius Black ed altri membri dell’Ordine della Fenice intervengono e combattono i due Mangiamorte. Nello scontro, la sfera con la profezia di Harry cade a terra rompendosi, mentre Black lancia una fattura contro Lucius, che dopo aver tentato la fuga, viene ucciso da Bellatrix. Distrutto dal dolore per la perdita del padrino, Harry si scaglia contro Bellatrix, ma in quel momento appare Voldemort. Raggiunti i ragazzi con la Metropolvere, Silente si metterà a difesa di Harry senza però riuscirci. Dopo essersi accasciato a terra, il corpo di Harry viene preso da Voldemort che dovrà però cedere all’amore dello spirito della madre, abbandonandolo. L’arrivo dei membri del Ministero della Magia costringerà infine Voldemort alla fuga. Di fronte ai fatti, il mondo della magia deve credere alla versione di Harry: Voldemort è risorto. Il Ministro Caramell dà le sue dimissioni, mentre Silente riprende il suo ruolo come Preside di Hogwarts, e la professoressa Umbridge viene sospesa. Uscito in contemporanea mondiale l’11 luglio del 2007, il quinto capitolo della saga si è piazzato al terzo posto nella saga come incassi, arrivando ad un incasso totale di oltre 900 milioni di dollari. Questa volta il film non ha però potuto vantare neanche una nomination ai premi Oscar, ottenendo comunque diverse nomination ai BAFTA ed ai Saturn Awards ed arrivando a vincere gli Empire e gli European Film Awards per il Miglior Film, premio consegnato al nuovo regista David Yates, che manterrà il suo ruolo fino al termine della saga. Tratto dal libro più lungo della serie (oltre 800 pagine) l’adattamento cinematografico è quello che ha dovuto contare il maggior numero di tagli ad eventi minori e gli adattamenti di determinate scene. Fra i molti cambiamenti presenti vi è il taglio della scena, fondamentale più avanti nella storia, nella quale Harry, Ron ed Hermione, intenti a svolgere le pulizie al Grimmaud Place, trovano il Medaglione di Serpeverde. A dare informazioni alla dottoressa Umbridge su dove si svolgano le esercitazioni dell’Esercito Silente non è Cho, ma Marietta Edgecombe. Non è inoltre mostrata la parte in cui la professoressa Umbridge irrompe a casa di Hagrid con i suoi scagnozzi, nel tentativo di catturarlo, così come non viene rivelato che è stata la stessa Umbridge ad inviare i Dissennatori da Harry all’inizio del film.

2009 – Harry Potter e il Principe Mezzosangue

Dopo la sua resurrezione, ormai comprovata e riconosciuta, Voldemort sta diffondendo il panico e la distruzione anche nel mondo dei Babbani, scatenando i suoi Mangiamorte ed arrivando a distruggere, tra le altre cose, il Millennium Bridge. Giunti a Diagon Alley, i Mangiamorte rapiscono Olivander, il fabbricante di bacchette, per poi sparire. Poco dopo l’inizio della scuola, Harry, Ron ed Hermione, in giro per Diagon Alley, si imbattono in Draco Malfoy che entra nel negozio Magie Sinister insieme alla madre. Seguendolo e spiandolo all’interno del negozio, i tre notano che Malfoy, alla presenza dei Mangiamorte Bellatrix Lestrange (Helena Bonham Carter) e Fenrir Greyback (Dave Legeno), mostra particolare interesse per un armadio esposto nel negozio. Comincia così il sesto anno di Harry ad Hogwarts, nel corso del quale diventerà capitano della squadra di Quidditch dei Grifondoro insieme a Ron e Ginny Weasley, cosa che farà anche nascere delle nuove storie d’amore per i due. Il nuovo insegnante di Difesa Contro le Arti Oscure è stavolta Severus Piton, mentre l’insegnante di Pozioni è adesso il vecchio amico di Silente, Horace Lumacorno. Sarà proprio nel laboratorio di Pozioni che Harry scoprirà il manuale di un misterioso Principe Mezzosangue, pozionista creatore di molti incantesimi. Proprio sfruttando i suoi appunto, Harry otterrà risultati eccellenti nella materia, imparando anche l’incantesimo di magia oscura Sectumsempra. Sarà proprio usando questo nuovo incantesimo che Harry ferirà gravemente Draco Malfoy, cosa che lo convince a sbarazzarsi del libro nascondendolo nella Stanza delle Necessità. Nel frattempo, alcuni strani avvenimenti convincono Harry che Malfoy sia divenuto anch’egli un Mangiamorte: pare infatti che sia stato lui a dare a Katie Bell la collana maledetta destinata a Silente, così come sarebbe stato lui a mettere del veleno nell’idromele destinato a Silente, ma poi bevuto da Ron, in seguito guarito con un bezoar. Nel giorno di Natale, i Mangiamorte sferrano un nuovo attacco, distruggendo la Tana. Nel corso dell’anno, Harry segue delle lezioni private con Silente, anche nel tentativo di recuperare un prezioso ricordo di Lumacorno che contiene informazioni su come sconfiggere il Signore Oscuro. Ottenuto tramite la Felix Felicis, il ricordo rivela ad Harry l’esistenza degli Horcrux, oggetti magici o esseri viventi in cui Voldermort avrebbe inserito, tramite una magia oscura, parti della propria anima per garantire l’immortalità al suo spirito, che avrebbe soltanto dovuto migrare verso un nuovo corpo. La scena è così infine chiara: Voldemort non era morto nel tentativo di uccidere il piccolo Harry proprio grazie agli Horcrux, che secondo alcune ipotesi dovrebbero essere sette, due dei quali a quanto pare sono già stati distrutti: l’anello distrutto da Silente ed il diario di Tom Riddle, distrutto quattro anni prima da Harry. Distruggendo quindi i restanti Horcrux, Voldemort vedrebbe sparire la propria immortalità. Silente chiede così ad Harry di accompagnarlo in una caverna dove si troverebbe un presunto Horcrux, il medaglione di Serpeverde. Dopo essersene impossessati, Silente si mostra particolarmente debole, soprattutto a causa dei potenti incantesimi disposti a difesa del medaglione. Tornati ad Hogwarts, il preside ordina ad Harry di nascondersi perché avverte un pericolo in arrivo. In cima alla torre di Astronomia Silente troverà infatti Draco Malfoy, che dopo aver disarmato l’anziano e debole mago, rivela il suo piano diabolico: Draco è ormai membro dei Mangiamorte, ed è stato incaricato da Voldemort di uccidere Silente. Dopo aver tentato con la collana di Katie Belle ed il veleno nell’idromele, Draco si decide ad utilizzare lo strano armadio che tanto lo attirava nel negozio in Diagon Alley, che si rivela essere un Armadio Svanitore, tramite il quale crea un passaggio che porta ad Hogwarts i Mangiamorte. Dopo averlo raggiunto sulla torre, i Mangiamorte notano però che Malfoy non trova il coraggio necessario ad uccidere il suo insegnante e preside, mentre ad intervenire è Severus Piton, che lo uccide al suo posto in virtù di un Voto Infrangibile, stretto con la madre del ragazzo in merito alla sua protezione. Mentre fugge dalla torre insieme agli altri Mangiamorte, e mentre Harry gli scaglia contro gli incantesimi del Principe Mezzosangue, Piton rivela al ragazzo che in passato fu lui il Principe Mezzosangue, inventore degli incantesimi che sta utilizzando, per poi sparire insieme a Malfoy ed ai Mangiamorte. Dopo la morte di Silente, Harry scopre inoltre che l’Horcrux trovato è falso, ma al suo interno cela un biglietto sul quale un uomo che si firma R.A.B. informa Voldemort di aver rubato il vero Horcrux, e di essere intenzionato a distruggerlo, per renderlo di nuovo mortale di fronte al suo degno avversario. In conclusione, Harry decide di mettersi alla ricerca dei rimanenti Horcrux, e Ron ed Hermione non possono fare a meno di unirsi a lui. Benché la maggior parte del mondo abbia visto Il Principe Mezzosangue raggiungere le sale il 17 luglio del 2009, il secondo film diretto da Yates ha raggiunto l’Italia, gli Stati Uniti ed il Regno Unito due giorni prima, nella serata del 15 di luglio. Due anteprime italiane hanno visto il film presentato in anteprima globale il 12 di luglio, al Giffoni Film Festival, con un’altra anteprima, il 14, presentata all’Aquila come iniziativa di solidarietà nei confronti dei colpiti dal terremoto del 2009. Anche stavolta il film ha ottenuto un record di incassi, arrivando ad un totale di ben oltre 900 milioni di dollari, superando anche il suo predecessore. Nominato agli Oscar per la Miglior Fotografia, ad opera di Bruno Delbonnel, il film non riuscirà ancora una volta ad aggiudicarsi il premio. Tra le differenze più notevoli tra i fatti avvenuti nel romanzo e quelli mostrati nel film, il complotto ordito da Malfoy di utilizzare la collana stregata ed avvelenare l’idromele non viene svolto, nel libro, direttamente da Malfoy. A svolgere le sue volontà è infatti nel libro Madama Rosmerta, che viene costretta dalla maledizione Imperius ad eseguire tutti i suoi ordini. Scena che viene invece aggiunta all’interno del film ma non è presente nel libro, è l’attacco dei Mangiamorte alla Tana. Mancanti sono anche i diversi ricordi analizzati da Silente ed Harry tramite il Pensatoio, così come molti dettagli sul passato di Piton e la scena in cui Fenrir morde, sfigurandolo, Bill Weasley, personaggio che farà la sua comparsa soltanto nel settimo film insieme a Rufus Scrimgeour, il nuovo Ministro della Magia. Infine, la parte finale del film ha tagliato del tutto il funerale di Albus Silente, senza neanche spiegare che dopo le sue esequie la scuola viene chiusa anticipatamente per lutto, decretando il ritorno degli studenti alle loro rispettive case. Concludiamo qui, per il momento, la nostra visione d’insieme della saga cinematografica dedicata ad Harry Potter. Nella terza ed ultima parte analizzeremo entrambe le parti de I Doni della Morte, film che hanno dato degna conclusione alla saga, oltre a dare un’occhiata ai nuovi progetti sul mondo di Harry Potter, partoriti come sempre dalla geniale, fantasiosa ed infaticabile mente di J.K. Rowling.
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0

Immagini:

Mymovies  –  Imdb  –  Ivid  –  Meglio

, , , , , ,

Marco La Mantia By
Grande appassionato di cinema fin dalla più tenera età, ha scelto da tempo Quentin Tarantino come suo regista preferito, senza trascurare il lavoro di registi come Robert Rodriguez e Kevin Smith, il cinema italiano d’altri tempi e l’animazione occidentale ed orientale.