kevin-smith-al-lavoro-su-killroy-was-here

News

Kevin Smith al lavoro su Killroy Was Here

Il regista divenuto noto per il suo View Askewniverse prosegue il suo percorso nell’horror indipendente col suo prossimo nuovo titolo

17 Giu , 2017  

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0

Non sembra per nulla intenzionato ad abbandonare il suo interesse per l’horror indipendente il regista Kevin Smith, che dopo il relativo successo del suo View Askewniverse (discutibile per certi titoli ma più che sicuro per Clerks 2), ha adesso annunciato di essere al lavoro su un nuovo film horror antologico noto come Killroy Was Here. Tale progetto è in realtà la rielaborazione di un film precedente che, nelle intenzioni di Smith, sarebbe stato dedicato al Krampus, essere leggendario il cui compito è punire i bambini cattivi il giorno di Natale. Purtroppo preceduto da qualcuno altro, Smith si era così giustificato sul suo contatto Facebook:

<<Il nostro film era un’antologia in stile Creepshow, o per i più giovani Creepshow 2, o diciamo pure Black Mirror. Tipo quello, un’antologia. Abbiamo dovuto rinunciare al nostro film sul Krampus, si chiamava Arriva il Krampus o Anti-Claus. Abbiamo quindi deciso di rivedere il copione, l’abbiamo trasformato in un film diverso, ma abbiamo soltanto cambiato il personaggio del Krampus, praticamente la sceneggiatura è uguale, abbiamo levato tutto ciò che riguarda il Natale>>.

kilroy-was-here-kevin-smith-al-lavoro

Il nuovo mostro che comparirà nel film di Smith, sarà realizzato da Robert Kurtzman, grande esperto nel campo. La sua immagine sarà ispirata ad un graffito ben noto, apparso spesso nel corso della Seconda Guerra Mondiale, che rappresenta un personaggio con un lungo naso. Per quanto riguarda Smith, Killroy è da considerarsi come <<il Golem, il Bau-Bau ed il Tristo Mietitore, combinati insieme!>>.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0

Immagini:

Nerdplanet  –  Stickyaddiction

, ,

Marco La Mantia By
Grande appassionato di cinema fin dalla più tenera età, ha scelto da tempo Quentin Tarantino come suo regista preferito, senza trascurare il lavoro di registi come Robert Rodriguez e Kevin Smith, il cinema italiano d’altri tempi e l’animazione occidentale ed orientale.