News

David di Donatello: l’edizione 2018 segna il trionfo di Ammore e Malavita

Giunta alla sua 62esima edizione, la manifestazione cinematografica ha consegnato il David per il Miglior Film al lungometraggio dei Manetti Bros

22 Mar , 2018  

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0
Per quanti fossero rimasti chiusi nel caveau di una banca la scorsa sera, li informeremo che proprio nella serata di ieri, su Rai Uno, è stata trasmessa la 62esima edizione dei David di Donatello, il più prestigioso premio cinematografico della scena italiana. L’edizione ha visto il trionfo di Ammore e Malavita, film diretto dai Manetti Bros, che oltre ad aggiudicarsi il premio come Miglior Film, è riuscito a portarne a casa anche altri quattro. Il primo, quello per la Migliore Attrice Non Protagonista, è stato infatti consegnato a Claudia Gerini, mentre il secondo, dedicato al Migliore Musicista, è andato a Pivio ed Aldo De Scalzi, compositori della colonna sonora del film. Sempre in ambito musicale, il film si è anche aggiudicato il David per la Miglior Canzone Originale, assegnato al brano Bang Bang, che ha potuto avvalersi, oltre che della musica dei due autori già premiati, anche dei testi di Nelson e delle interpretazioni di Serena Rossi, Franco Ricciardi e Giampaolo Morelli. Buoni risultati anche per il Migliore Costumista, assegnato a Daniela Salernitano, ma in questo caso spartito con Massimo Cantini Parrini, costumista per Riccardo va all’Inferno. La serata, ha inoltre visto anche la consegna dei premi speciali già annunciati in precedenza, vale a dire il David alla Carriera, consegnato a Steven Spielberg, ed i due David Speciali, consegnati a Diane Keaton ed a Stefania Sandrelli. Di seguito, la lista completa di tutti i film vincitori della sempre emozionante 62esima edizione dei David di Donatello:   MIGLIOR FILM Ammore e Malavita MIGLIORE REGIA Jonas Carpignano per A Ciambra MIGLIORE REGISTA ESORDIENTE Donato Carrisi per La Ragazza nella Nebbia MIGLIORE SCENEGGIATURA ORIGINALE Susanna Nicchiarelli per Nico, 1988 MIGLIORE SCENEGGIATURA NON ORIGINALE Fabio Grassadonia, Antonio Piazza per Sicilian Ghost Story MIGLIORE PRODUTTORE Luciano Stella e Maria Carolina Terzi per Mad Entertainment e Rai Cinema per Gatta Cenerentola MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA Jasmine Trinca per Fortunata MIGLIORE ATTORE PROTAGONISTA Renato Carpentieri per La Tenerezza MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA Claudia Gerini per Ammore e Malavita MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA Giuliano Montaldo per Tutto Quello che Vuoi MIGLIORE AUTORE DELLA FOTOGRAFIA Gian Filippo Corticelli per Napoli Velata MIGLIORE MUSICISTA Pivio e Aldo De Scalzo per Ammore e Malavita MIGLIORE CANZONE ORIGINALE BANG BANG: musica di Pivio & Aldo De Scalzi, testi di Nelson, interpretata da Serena Rossi, Franco Ricciardi e Giampaolo Morelli per il film Ammore e Malavita MIGLIORE SCENOGRAFO Ivana Gargiulo per Napoli Velata MIGLIORE COSTUMISTA Ex Aequo Daniela Salernitano per Ammore e Malavita Massimo Cantini Parrini per Riccardo va all’Inferno MIGLIOR TRUCCATORE Marco Altieri per Nico, 1988 MIGLIOR ACCONCIATORE Daniela Altieri per Nico, 1988 MIGLIORE MONTATORE Affonso GonÇalves per A Ciambra MIGLIOR SUONO Presa diretta: Adriano Di Lorenzo – Microfonista: Alberto Padoan – Montaggio: Marc Bastien – Creazione suoni: Eric Grattepain – Mix: Franco Piscopo per il film Nico, 1988 MIGLIORI EFFETTI DIGITALI Mad Entertainment per Gatta Cenerentola MIGLIOR FILM DELL’UNIONE EUROPEA The Square di Ruben Ostlund MIGLIOR FILM STRANIERO Dunkirk di Christopher Nolan DAVID GIOVANI Tutto quello che vuoi di Francesco Bruni MIGLIOR DOCUMENTARIO La lucida follia di Marco Ferreri di Anselma Dell’Olio MIGLIOR CORTOMETRAGGIO Bismillah di Alessandro Grande  
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0

Immagini:

Cinemondium  –  Kataweb

, , , ,

Marco La Mantia By
Grande appassionato di cinema fin dalla più tenera età, ha scelto da tempo Quentin Tarantino come suo regista preferito, senza trascurare il lavoro di registi come Robert Rodriguez e Kevin Smith, il cinema italiano d’altri tempi e l’animazione occidentale ed orientale.