News

Addio a Carrie Fisher. Star Wars perde la sua Principessa Leia

Principalmente nota per aver interpretato la Principessa Leia di Guerre Stellari, l’attrice Carrie Fisher si è spenta ieri a Los Angeles, a seguito di un infarto avuto quattro giorni prima

28 Dic , 2016  

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0
Un’altra stella si è spenta ieri nel cielo di Hollywood, che ha dovuto stavolta dare l’addio all’attrice Carrie Fisher, morta nella giornata di ieri in un ospedale di Los Angeles a seguito dell’infarto che l’aveva colpita venerdì 23 dicembre mentre si trovava su un volo diretto da Londra a Los Angeles. Spentasi all’età di 60 anni, l’attrice era principalmente nota per aver interpretato, nella trilogia originale di Star Wars, la principessa ribelle Leia. A dare l’annuncio della sua scomparsa è stato un portavoce della famiglia: <<E’ con profondissima tristezza che Billie Lourd conferma che la sua amata madre Carrie Fisher è morta alle 08.55 di questa mattina. Era amata dal mondo e mancherà a tutti. Tutta la nostra famiglia vi ringrazia per i vostri pensieri e le vostre preghiere>>. star-wars-perde-la-sua-principessa-leia-addio-a-carrie-fisher Nata proprio nella città di Los Angeles il 21 ottobre del 1956, l’attrice era figlia del cantante Eddie Fisher e dell’attrice Debbie Reynolds. Il suo debutto nel mondo del cinema avvenne con Shampoo, commedia diretta da Hal Ashby del 1975 che non le diede però la fama che ottenne, due anni dopo, interpretando il personaggio della principessa Leia Organa, nel primo film di Guerre Stellari, e ricomparendo, nel 1980 e nel 1983, in L’Impero Colpisce Ancora e ne Il Ritorno dello Jedi. guerre-stellari-perde-la-sua-principessa-leia-addio-a-carrie-fisher Non di sole Guerre Stellari ha vissuto comunque l’attrice, che nonostante il disturbo bipolare che la affliggeva già dalla fine degli anni ’70, spingendola verso l’alcool e le droghe, ebbe modo di comparire in altre produzioni, sebbene limitate, come l’originale The Blues Brothers, diretto da John Landis nel 1980, Harry ti Presento Sally di Rob Reiner nel 1989 ed Austin Powers: Il Controspione di Jay Roach nel 1997, sempre con ruoli minori che non le hanno mai reso la fama che meritava. La sua ultima comparsa al cinema la vede ritornare, 32 anni dopo, sul cast del nuovo Star Wars Episodio VII: Il Risveglio della Forza, ancora una volta nel ruolo che le è valso il maggior successo, al punto da aver già lavorato e finito di girare le scene che la comprendevano per il futuro Episodio VIII, dando così una possibilità, anche agli spettatori del prossimo film della saga di poter vedere, per l’ultima volta, la loro amata Principessa ribelle Leia. Addio, Carrie Fisher.
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0

, , ,

Marco La Mantia By
Grande appassionato di cinema fin dalla più tenera età, ha scelto da tempo Quentin Tarantino come suo regista preferito, senza trascurare il lavoro di registi come Robert Rodriguez e Kevin Smith, il cinema italiano d’altri tempi e l’animazione occidentale ed orientale.